Comune di Barrali

Il Comune vuole scongiurare l'abbattimento dell'albero vicino al passaggio a livello.

Pubblicata il 20/12/2017

Prosegue l'intervento di messa in sicurezza della rete ferroviaria da parte di Arst in territorio di Barrali, impegnata da qualche settimana col taglio di alberi adiacenti alle rotaie e potenzialmente a rischio di caduta con conseguenti danni a cose e persone.

Al momento rimane da fare il taglio d'albero più doloroso, il pino radicato in prossimità del passaggio a livello lungo la SP11 e sito nella proprietà ferroviaria.

Diversi cittadini e l'amministrazione comunale si sono mobilitati al fine di scongiurare l'abbattimento dell'esemplare di pino domestico, ma allo stato attuale non giungono notizie confortanti in quanto le condizioni di sicurezza dei luoghi difficilmente riescono a conciliarsi con la vegetazione esistente.

Il Comune di Barrali con una recente delibera ha chiesto ufficialmente il riconoscimento giuridico di albero monumentale, ritenendo le caratteristiche dimensionali, età e aspetti identitari naturalistici elementi di sicura valenza per la tutela a oltranza.

Di diverso avviso il Corpo Forestale e di Vigilanza Ambientale Servizio Ispettorato Ripartimentale di Cagliari che ai sensi della normativa di riferimento e con nota formale spedita al Comune, ha ritenuto che l'albero non raggiunga i requisiti di monumentalità.

Non giungono rassicurazioni anche sul piano della stabilità dell'albero, sopratutto in relazione al sopravvenire di eventi meteorologici avversi, estremi o particolarmente significativi che in futuro potrebbero verificarsi, in quanto seppur in presenza di piante all'apparenza sane dal punto di vista fitosanitario, la consuetudine diagnostica nel valutare la stabilità del pino domestico presenta incognite e variabili non trascurabili per la tutela della sicurezza pubblica.
Poche speranze per bloccare l'abbattimento dell'albero e quasi nulle le possibilità per l'Amministrazione Comunale di dissuadere l'ARST dall'intento, tuttavia si continuerà a percorrere gli ultimi tentativi.


Facebook Google+ Twitter